Di Vodice - Deve visitare

CERCHI L\U0027ALLOGGIO

Il monte Okit con la chiesa della Madonna del Carmelo

Sul monte Okit (alto 135 m) gli antichi cittadini di Vodice costruirono una chiesa in onore della Madonna del Carmelo. Nel 1909 una quarantina di abitanti di Vodice emigrati in Australia finanziò la costruzione delle 14 piccole cappelle della Via Crucis, dai piedi del monte fino alla cima.Questa chiesa fu distrutta nella seconda guerra mondiale. La nuova chiesa venne eretta in soli due mesi perché gli abitanti di Vodice portarono tutto il materiale per la costruzione in cima al monte in spalla.Putroppo questa chiesa è stata distrutta nella guerra d’indipendenza croata. L’aspetto odierno della chiesa è dovuto all’architetto di Zadar Nikola Bašić. Bisogna anche ricordare che davanti alla chiesa cresceva un acero alto quattro metri con tre grandi diramazioni. Il ramo proteso verso la chiesa fioriva ogni tre anni la notte di Natale.

La chiesa parrocchiale di S. Croce   

Questa chiesa è una delle più importanti testimonianze dello stile barocco in Dalmazia. È opera del famoso costruttore di Šibenik Ivan Skoko che lavorò alla cappella vicino all’altare, che è stata inclusa nel successivo ampliamento della chiesa degli anni 1746-1749. In questo periodo l’edificio ricevette l’armoniosa facciata con il portale barocco e il lussuoso rosone, e i muri laterali con le ovali finestre barocche. All’interno della chiesa si trova l’altare barocco dedicato alla santa Croce. Sull’altare del Cuore di Cristo e della Sacra famiglia si trovano due tele della metà del XIX secolo. La costruzione del campanile durò 20 anni, dal 1752, ad opera del raguseo Vicko Macanović. Il campanile è tipo chiueso e ha due logge. Quella inferiore ha due grandi finestre, mentre quella superiore tre piccole finestre da ogni lato.

La vecchia chiesa di Santa Croce

Questo semplice edificio fu costruito attorno al 1402. Venne dedicata alla S. Croce nel 1421 quando era anche la chiesa parrocchiale e vicino ad essa si trovava il cimitero. All’interno della chiesa c’è un battistero romanico-gotico su un pilastro, un esemplare unico nella zona di Šibenik. L'origine gotica della chiesa è stata mascherata nel corso degli interventi sulla facciata in epoche successive.

La torre Čorić

Fu costruita dalla benestante famiglia Fondra di Šibenik nel 1646.La solida pietra di cui è fatto fu trasportata dall'isola di Brač. Essendo stata eretta in un periodo di guerra, sia le residenze sia gli esercizi commerciali sono protetti da un alto muro di cinta. Oggi non si può visitare la torre perché è in rovina, tuttavia d’estate si può si assistere alle proiezioni cinematografiche nel cortile.

Il monumento ai Caduti

Si trova in centro e per la sua grandezza e aspetto domina Vodice. È circondato da scale che la sera diventano una sosta obbligata per chi passeggia.

L’acquario e il museo della tradizione marinara di Vodice

 è il primo del genere nella contea di Šibenik-Knin. Inaugurato nel 2006, contiene arnesi per la pesca, plastici di navi e oggetti trovati nei siti archeologici subacquei dal III secolo a.C. fino al medioevo.
Oltre alle 16 vasche con la flora e la fauna dell’Adriatico centrale, qui si possono osservare anche i modelli delle navi GajetaFalkuš e Sv. Jeronim, i più antichi modelli di navi del Mediterraneo.
Il museo è visitabile dai primi di giugno fino alla fine di settembre (orario: 10.00-22:00).

 

Da visitare nei dintorni

* Il Parco Nazionale di Krka - comprende la zona del fiume Krka, che scorre attraverso un suggestivo canyon lungo 75 km. Il Parco Nazionale organizza escursioni in nave che permettono ai visitatori di osservare il canyon e il corso del fiume ma anche l’isola di Visovac dov’è situato un convento francescano. Le più famose e visitate tra le sette cascate del fiume Krka sono quella di Skradin e quella di Roški. Lungo il fiume si trovano abbondanti flora e fauna. I visitatori del parco possono vedere anche i restaurati monumenti etnologici (come i piccoli mulini) e scoprire così gli usi di questa regione. Anche se il PN è facilmente raggiungibile in macchina, il modo più bello di visitarlo è in nave. La nostra agenzia organizza escursioni in nave sul fiume Krka e nel Parco Nazionale delle Kornati.

* Skradin si trova lungo il fiume Krka. È un tradizionale luogo di ritrovo delle “klape” dalmate (gruppi vocali in stile a cappella).
Oltre alla vicinanza del Parco Nazionale di Krka, vanta una storia di 2000 anni e una ricca offerta gastronomica. Questa zona abbonda di pesci e conchiglie perché qui si mescolano le acque dolci e salate; gli abitanti tradizionalmente vivono di pesca. Le vie di pietra di questa piccola città testimoniano la ricca storia del luogo e attirano molti visitatori. La marina di Skradin è tra le preferite dai navigatori perché una delle più belle e visitate della costa croata. Se avete deciso di andare al Parco Nazionale di Krka non tralasciare di andare a Skradin.

* Parco Nazionale delle Kornati – secondo la leggenda, questo strano arcipelago sarebbe stato originato dalle rocce bianche rimaste a Dio dopo la creazione del mondo, che le avrebbe lanciate a caso. Delle circa 150 isole di questo arcipelago 89 sono parte del Parco Nazionale. Le Kornati devono il loro nome all'isola più grande, Kornat. L'arcipelago è peculiare per la scarsa vegetazione, l'assenza di corsi d'acqua, il mare cristallino e il gran numero di insenature e rocce a strapiombo. Sono un paradiso per chi naviga e per tutti quelli che amano la natura incontaminata.
Le Kornati non sono abitate; gli abitanti dell'isola di Murter allevano pecore sulle Kornati e coltivano ulivi e fichi.

* Šibenik - La città di Šibenik ospita il Festival Internazionale dell’Infanzia, la Fiera Medievale, il Festival della canzone Dalmata... Šibenik cura la lunga tradizione delle “klape” (tipici cori a cappella). Tutti i giovedì si tengono le serate delle klape. Il Festival della canzone Dalmata ha assunto un posto di rilievo tra i principali festival croati. Si tiene nella seconda metà di agosto, il primo fine-settimana dopo ferragosto (15.08. – 22.08.). Il Festival internazionale dell’Infanzia ha luogo da una quarantina di anni nel mese di giugno ed è uno dei simboli di Šibenik. È nato come rassegna annuale di gruppi teatrali croati e dal resto del mondo. La Fiera Medievale ha luogo alla fine di settembre, il 29.09 in occasione di Sv. Mihovil (S. Michele), il patrono della città. Ai visitatori sembrerà di tornare indietro nel tempo fino all’epoca in cui veniva costruita la cattedrale di Šibenik. La cattedrale di S. Giacomo, capolavoro di Juraj Dalmatinac che per il suo valore storico è sotto tutela dell’UNESCO, è un simbolo di Šibenik. È interamente in blocchi di pietra a secco. Venne completata nel XVI secolo e, data la lunga durata dei lavori (cent’anni), il maestro Juraj ‒ che al tempo viveva nella strada adiacente la cattedrale per avere sempre sott’occhio il suo capolavoro ‒ non riuscì a finirla. Il suo progetto fu portato a termine da Nikola Firentinac. Date uno sguardo alla settantina di busti che si trovano nella chiesa e che si pensa ritraggano dei contemporanei di Juraj, in questo modo resi immortali. Dovete assolutamente vedere il fonte battesimale all’interno della chiesa.
Di fronte alla cattedrale si trova il palazzo municipale e 10 metri più in là un plateau con 4 pozzi dai quali veniva estratta l’acqua nei periodi di siccità. Qui trovate anche un caffé-bar e il bar sotterraneo Bunari, oggi luogo di ritrovi.
Il nostro consiglio è di girare per le vie medievali della vecchia città armati solo di macchina fotografica. Vedrete molte chiesette, portali e altri monumenti storici... Potete visitare la fortezza di Sv. Mihovil del XV secolo aperta al pubblico. È una delle quattro fortezze della città. Lungo la strada che conduce alla rocca fermatevi a guardare il giardino mediterraneo del convento di Sv. Lovro, nei pressi del quale trovate anche un bar.
Se siete amanti dell’avventura potete cimentarvi nel bungee jumping. Ogni anno dal 1° luglio al 1° settembre (orario: 10.00 - 20.00 giorni feriali; 10.00 - 14.00 domenica) si può fare bungee jumping dal ponte di Šibenik.

* Il Centro di falconeria si trova a Dubrava. La falconeria, ossia l'arte della caccia col falco è antica quanto le più antiche culture della terra. Da molti anni nel centro si allevano svariate specie di rapaci. Un posto di rilievo ha la struttura per gli uccelli feriti, malati o affamati. Per tutti i visitatori che vogliono sentire il profumo del mondo selvatico e ammirare il volo del falco, il Centro è aperto tutto l'anno dalle 10.00 alle 17.00.

* Isole di Krapanj, Zlatin, Prvić - nella regione della contea di Šibenik-Knin si trovano circa 300 isole, solo 6 delle quali abitate. Le isole di KrapanjZlarin e Prvić sono tra queste ultime. Qui sembra che il tempo si sia fermato. I secoli non hanno cambiato significativamente l’aspetto delle isole. Solo in alcuni posti tra le vecchie case in pietra sbuca anche qualche edificio moderno. Le isole non sono raggiungibili in macchina, né è permesso circolare in automobile. I giovani lasciano le isole, così la popolazione rimasta è perlopiù anziana e abituata a uno stile di vita tranquillo.
Zlarin e Prvić sono raggiungibili in traghetto da Vodice. D'estate ci sono più partenze al giorno.
Dal XV al XX secolo gli abitanti praticarono la pesca del corallo, il che portò prosperità all’isola. Anche oggi è possibile comprare gioielli di corallo fatti a mano.
Krapanj, l’isola dei pescatori di spugne, è raggiunbile con la regolare linea Brodarica - Krapanj. Il porto di Brodarice, piccola località turistica dalla quale parte più volte al giorno il traghetto per Krapanj, è 20 km a sud di Vodice. Recentemente l’isola di Krapanj ha festeggiato 300 anni di pesca delle spugne. La leggenda narra che agli inizi del XVIII secolo un sacerdote greco di Creta insegnò agli abitanti del luogo a pescare le spugne. Oggigiorno quest’attività è praticata solo da pochi isolani. L’isola è conosciuta come la più piccola isola abitata della Croazia. Sull’isola potete visitare il convento francescano e il museo adiacente.
Nell’isola di Prvić si trovano due paesi: Šepurine e Prvić Luka. Nell'isola trovate la tomba di Faust Vračić, un importante storico, filosofo e inventore croato, che qui volle essere seppellito. È famoso per aver inventato il primo paracadute utilizzabile. 

* Tribunj è un piccolo posto di pescatori, 2 km a ovest di Vodice. Il centro storico è sorto sull’isoletta collegata alla terraferma da un ponte di pietra. Ai piedi del monte S. Nicola sorge la chiesa di S. Nicola del XV secolo, una delle costruzioni più antiche di Tribunj. Nel centro c’è una marina con oltre 500 ormeggi. L’attrattiva principale di Tribunj è la corsa degli asini che qui si tiene ai primi di agosto. Sulla vicina isola di Logorun è stata fondata l’associazione Hrvatski Tovar” (“l’asino croato”) allo scopo di proteggere l’asino, un tempo principale aiutante dei contadini. Si tratta della prima associazione al mondo per la protezione degli asini. Se decidete di fare un visita portate con voi un po’ di fichi secchi, perché gli asini sono socievoli e molti golosi.
Se siete disposti a fare un po’ più di chilometri per vedere altri posti interessanti, vi consigliamo di visitare le città di Zadar (80 km), Split (100  km), Trogir (73 km), Primošten (40 km)… Se non siete venuti in macchina, l’agenzia offre il noleggio di automobili. 

Vedete di più

I commenti degli ospiti

Sopra la media
4.5
Giudizio complessivo dei clienti

Atmosfera
4.7
Sicurezza
4.7
Spiagge
4.1
Offerta turistica
4.5
Ospitalità dei proprietari
4.6

  • Perfetto 5
    Linda
    Famiglia Italy
    31/07/2019
    località perfetta per le vacanze
    Vodice offre tantissime possibilità ed è a misura di famiglie con bambini. Si trova molto vicino al Krk National Park ed è possibile fare l''escursione sia con i propri mezzi che con i traghetti organizzati. Avendo un bambino piccolo abbia o sempre mangiato a casa, ma consiglio il ristorante Konoba Roki dove abbiamo cenato l''ultima sera (grigliata di pesce abbondante e a buon prezzo). ci sono molte spiagge a disposizione ma per comodità ci siamo serviti dei lettini e ombrelloni di fronte all''hotel Olympia sky
  • Sopra la media 4
    Alice
    Coppia Italy
    28/08/2018
    Posto molto carino e accogliente...peccato l''assenza di qualche spiaggia sabbiosa
  • Sopra la media 4.2
    Ivan
    Coppia Italy
    21/08/2016
    bel paese
    non manca proprio nulla...
Google maps not loaded: (